Città di La Maddalena

Provincia di Sassari

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA BANCHINA DENOMINATA “MEDAGLIE D’ORO”

Il presente regolamento abroga e sostituisce i precedenti.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA BANCHINA DENOMINATA “MEDAGLIE D’ORO”

PREMESSE

 

ARTICOLO 1 - FONTI:

Il Comune di La Maddalena ha redatto il presente Regolamento interno per la gestione della Banchina denominata “MEDAGLIE D'ORO” a seguito di Concessione Demaniale Marittima rilasciata dalla Capitaneria di Porto di La Maddalena, destinata all'ormeggio delle unità da Trasporto Passeggeri. Le norme contenute nel presente Regolamento dovranno essere scrupolosamente osservate da tutti Proprietari! Armatori delle suddette unità e da chiunque, per qualsiasi titolo, vi acceda.

 

ARTICOLO 2 - INDIVIDUAZIONI DELLE PARTI:

Il Comune di La Maddalena sarà chiamato semplicemente “Comune”. Con la denominazione “Proprietario/Armatore” sarà identificata la persona fisica, giuridica o Ente, che fruisca dell'ormeggio presso la Banchina “MEDAGLIE D'ORO”.

 

ARTICOLO 3 - MODIFICHE ED AGGIORNAMENTI:

Il Comune potrà in ogni momento, con l'approvazione dell' Autorità Marittima, aggiornare il presente Regolamento con ulteriori disposizioni qualora si rendesse necessario o fosse ritenuto opportuno allo scopo di rendere più sicuro, efficiente e funzionale l'ormeggio presso la banchina “MADAGLIE D'ORO”.

 

ARTICOLO 4 - POSTI D'ORMEGGIO:

Presso la Banchina Medaglie d'Oro è consentito l'ormeggio alle unità da Trasporto Passeggeri che effettuano tale attività nell'ambito dell'Arcipelago di La Maddalena.

Gli ormeggi sono assegnati, ai fini dell'utilizzazione, secondo i criteri stabiliti dal Comune ed in ogni caso per un periodo non superiore a quello della Concessione Demaniale Marittima.

Il “Proprietario/Armatore” che intende assicurarsi l'utilizzo dell'ormeggio, deve dichiarare le esatte dimensioni fuori tutto dell'unità da trasporto passeggeri per l'inserimento nel posto adatto alle dimensioni della stessa.

Qualora l'utente non dichiari le esatte dimensioni della sua unità o attracchi una unità di dimensioni maggiori di quelle previste per il proprio ormeggio, la Direzione si riserva la facoltà di disporre l'immediato allontanamento dell'unità.

Ogni proprietario/armatore assegnatario di un posto di ormeggio dovrà effettuare la raccolta differenziata come previsto dal vigente Regolamento di Igiene Urbana e secondo le disposizioni che verranno impartite dagli uffici preposti prima dell’inizio di ogni stagione estiva.

Ai Proprietari/Armatori assegnatari di un posto di ormeggio che incorrano in tre sanzioni amministrative nel corso dello stesso anno sarà revocato il posto di ormeggio.

La Direzione del Porto, per necessità proprie, si riserva la possibilità di revocare qualsiasi tipo di assegnazione di ormeggio; il “Proprietario/Armatore”, qualora si verifichi il caso, è obbligato a liberare immediatamente l'ormeggio. Nel caso non adempia a quanto sopra disposto la Direzione del Porto provvederà alla rimozione con mezzi propri o a mezzo di apposita Società idonea a tale operazione, all'occorrenza, trasportando l'unità al di fuori dell'ambito portuale a spese dell'Utente; per tale operazione verrà richiesta la collaborazione dell' Autorità Marittima.

A ciascun ormeggio potrà essere attraccata una sola unità da trasporto passeggeri .

 

ARTICOLO 5 - ASSEGNAZIONE DEL POSTO D'ORMEGGIO:

Nella Banchina Medaglie d'Oro, è istituito un numero chiuso per le unità da trasporto passeggeri,  i “Proprietari/Armatori” delle unità già ormeggiate presso la suddetta banchina, dovranno presentarsi presso la Direzione del Porto per la conferma del posto barca alla propria unità e per la compilazione di apposita richiesta scritta in confacente modulo, allegato al presente Regolamento, specificando:

  • Nome, Cognome, Residenza, Domicilio e numero di telefono del Proprietario/Armatore( se trattasi di Società l'indirizzo della sede sociale e le generalità complete del Presidente o dell’Amministratore);
  • Dimensioni fuori tutto, nome dell'unità, numero di matricola;
  • Attuale posto di ormeggio occupato presso la Banchina Medaglie d'Oro, calcolandolo partendo dallo spigolo ad Ovest della suddetta banchina;
  • Se l'attività del Trasporto Passeggeri viene effettuato o meno all'interno dell' Arcipelago di La Maddalena.

I Proprietari/Armatori (se società si riferisce alla sede legale) dovranno essere residenti nel Comune di La Maddalena; ciò si evincerà dai documenti delle unità. Qualora l'unità fosse posseduta in multi proprietà, dovrà risultare residente il socio con la proprietà del 54% ( 13 carati) dell'unità.

La Direzione riterrà valide le richieste degli Proprietari/Armatori solo a seguito dell'avvenuto pagamento per la sosta che sarà a carattere annuale dal 01/01 al 31/12. Qualora il richiedente non adempia al pagamento, o abbia altre morosità nei confronti dell’amministrazione comunale, ivi comprese tasse, imposte, canoni di concessione, tributi, sanzioni amministrative, ed in genere ogni e qualunque somma dovuta a vario titolo al Comune di La Maddalena, la richiesta sarà ritenuta nulla e l'interessato dovrà immediatamente liberare l'ormeggio per non incorrere in "Occupazione Abusiva". Nel caso non adempia a quanto sopra disposto, la Direzione del Porto provvederà alla rimozione ai sensi del comma 4° dell'articolo 4 del presente Regolamento a spese dell' Armatore/Proprietario. La cessione permanente da diritto di utilizzo di un posto di ormeggio e della possibilità di uso dei relativi servizi portuali (erogazione acqua ed energia elettrica) verso il pagamento di un corrispettivo determinato dai consumi, ha carattere rigorosamente personale ed è riferita specificatamente all'unità da trasporto passeggeri che risulti indicata nel contratto di cessione. I contratti saranno rinnovati di volta in volta, nel corso degli anni, accertata la disponibilità da parte della Direzione, su conferma scritta dell’Utente. In caso di mancata conferma o di disdetta, almeno un mese prima della scadenza, il contratto si intenderà risolto alla scadenza naturale.

L'occupazione di un posto di ormeggio in assenza di contratto è abusiva e quindi illegittima, pertanto la Direzione del Porto provvederà a liberare l'ormeggio nei modi previsti dal 4° comma dell'articolo 4 del presente Regolamento.

Chiunque incorrerà in occupazione abusiva, per il periodo di occupazione, sarà tenuto al pagamento della tariffa giornaliera applicata per le imbarcazioni da diporto non residenti.

Durante il periodo estivo, la Direzione potrà ordinare lo spostamento di alcune unità da traffico all’ormeggio presso la banchina “Corazzata Roma” od ove riterrà più utile ai fini della corretta gestione del bene demaniale in concessione, al fine di consentire l’ormeggio di unità di grosse dimensioni. Lo spostamento verrà comunicato con preavviso di massimo 24 ore. Nel caso l’unità da traffico non dovesse spostarsi, verrà addebitato il mancato introito del canone dell’unità in transito non ospitata.

 

ART.5 BIS – CRITERI DI ASSEGNAZIONE – GRADUATORIA

Per l’assegnazione del posto barca la conferma scritta dovrà essere effettuata dai proprietari/armatori dell’imbarcazione almeno 1 mese prima della naturale scadenza del contratto.

Il pagamento di quanto dovuto dovrà essere effettuato con le tariffe in vigore alla stipula del nuovo contratto, resta inteso che l’Amministrazione si riserva la facoltà di modificare le tariffe entro la data di approvazione del Bilancio di Previsione.

Nella banchina Medaglie d’Oro è istituito un numero chiuso per le unità da trasporto passeggeri  e pertanto verrà formulata apposita graduatoria attraverso i criteri di scelta sotto indicati:

  1. Viene data priorità ai proprietari/armatori delle imbarcazioni già in possesso di contratto e che abbiano dato conferma scritta.
  2. Numero di protocollo di arrivo per le nuove domande di assegnazione.
  3. Ogni proprietario/armatore non potrà avere più di 1 posto barca, salvo disponibilità di posti.
  4. La graduatoria formulata avrà validità di 1 anno (dal 01 Gennaio al 31 Dicembre).

 

ARTICOLO 6 - CANONI:

I canoni applicati sono quelli previsti dal tariffario esposto presso la bacheca della Direzione del Porto Turistico di Cala Gavetta.

In caso di sostituzione dell'unità indicata nel contratto (Es.: acquisto di nuova unità), il Proprietario/Armatore è soggetto a stipula di nuovo contratto per l'adeguamento del canone e per l'eventuale assegnazione, salvo disponibilità, di un nuovo posto barca, qualora le dimensioni o il tipo di unità cambino rispetto a quelle indicate nel contratto di cessione. In caso di mancato aggiornamento del contratto, la nuova unità sarà ritenuta “abusivamente occupante un posto barca” e quindi allontanata dall'approdo, anche nei modi previsti, ove occorra, dal 4° comma dell'articolo 4 del presente Regolamento.

I suddetti Proprietari/Armatori delle unità ormeggiate presso la banchina Medaglie d'Oro, potranno ormeggiare all'interno del Porto Turistico di Cala Gavetta, previa autorizzazione della Direzione, dal 1 ottobre al 30 aprile, usufruendo di apposita tariffa; oltre questa data dovranno liberare l'ormeggio per non incorrere in “Occupazione Abusiva” e comunque, oltre questa data, per qualsiasi motivo dovessero continuare ad occupare l'ormeggio, la tariffa applicata sarà equiparata alla stagionale.

L'assistenza all'ormeggio non è fornita.

 

ARTICOLO 7 - DISPONIBILITA' DEL POSTO DI ORMEGGIO:

Il Proprietario/Armatore ha piena disponibilità del posto di ormeggio a lui riservato, che la Direzione del Porto si impegna a mantenere libero con i mezzi a sua disposizione, quando questi dovesse assentarsi dall’approdo. I posti di ormeggio sono annotati in apposito registro presso la Direzione del Porto, con l'indicazione dei nominativi dei Proprietario/Armatori, i quali hanno l'obbligo di ormeggiare le proprie unità al posto loro assegnato. Detto registro è a disposizione dell’Autorità Marittima e delle Forze di Polizia per eventuali controlli. La Direzione del Porto ha facoltà di variare in qualsiasi momento l'assetto degli ormeggi modificando le assegnazioni dei posti barca per esigenze proprie, provvedendo, ove occorra, allo spostamento delle unità con mezzi e personale proprio. L'eventuale scambio di posti fra Proprietari/Armatori dovrà essere richiesto per iscritto alla Direzione del Porto per le valutazioni del caso.

L'assenza dall’approdo superiore ai 3 mesi, durante il periodo dell'Armamento dell’unità, comporta la perdita del posto d'ormeggio senza che il Proprietario/Armatore possa nulla pretendere. Allo stato attuale, considerato che gli ormeggi presso la Banchina Medaglie d'Oro sono tutti occupati, non saranno accettate altre domande di iscrizione pervenute dopo la data di approvazione del presente Regolamento. Eventuali nuovi contratti saranno stipulati all'inizio di ciascun anno solare e solo nel caso di avvenuta rinuncia o cessazione di contratto preesistente; saranno prese in considerazione le domande protocollate dal Comune entro la data di approvazione del presente Regolamento.

I Proprietari/Armatori assegnatari di un posto di ormeggio avranno diritto di transito su tutte le banchine in concessione al Comune, fatti salvi i divieti imposti da altri Regolamenti Comunali o sovra Comunali.

 

ARTICOLO 8 - DECADENZA O CESSAZIONE DEL DIRITTO DI ORMEGGIO:

In caso di decadenza o cessazione del diritto di ormeggio ( risoluzione del contratto di ormeggio, scadenza del periodo di assegnazione ), il Proprietario/Armatore è obbligato a rimuovere l'unità; ove non vi provveda la Direzione del Porto ricorrerà alla rimozione dell' unità e, nel caso sia necessario, nei modi previsti dal 4° comma dell'articolo 4 del presente Regolamento. Il diritto al posto d’ormeggio delle unità da traffico, viene perso in automatico se la barca non rimarrà armata almeno per 4 mesi l’anno.

Ai Proprietari/Armatori assegnatari di un posto di ormeggio che incorrano in tre sanzioni amministrative, anche non consecutive nel corso dello stesso anno, sarà revocato il posto di ormeggio.

 

 

ARTICOLO 9 - MANOVRA IN PORTO

Lo specchio acqueo portuale è destinato unicamente a manovre di ormeggio e disormeggio e a rotte di ingresso e di uscita delle unità. Il Comandante dell'unità, nell'eseguire tutte le manovre all'interno dell'approdo ed in particolare quelle di ormeggio e disormeggio, dovrà sempre attenersi alle disposizioni del presente Regolamento, nonché alle eventuali indicazioni scritte o verbali impartite dalla Direzione del Porto o dal personale da essa dipendente, pur restando il Comandante pienamente responsabile dell'attuazione della propria manovra. E' vietato dare fondo all'ancora all'interno del Porto.

 

 

ARTICOLO 10- TRANSITO:

In caso di assenza delle unità da trasporto passeggeri dall'ormeggio della Banchina Medaglie d'Oro, la stessa potrà essere adibita al transito per unità da diporto e per le altre unità da trasporto passeggeri che faranno tappa a La Maddalena dalle ore 10.30 alle ore 17.00.

 

ARTICOLO 11- RESPONSABILITA' DELL'ORMEGGIO:

Le unità devono essere ormeggiate in sicurezza e secondo le corrette norme marinaresche. Ciascun posto è corredato da un sistema di ormeggio costituito da corpi morti, catenarie, trappe, boe, anelli e bitte. La manutenzione di tali strutture è a cura del Comune. Il Comandante, in caso di Armamento dell'unità, o il Proprietario/Armatore, in caso di Disarmo, è tenuto alla custodia, manutenzione e sostituzione delle trappe di ormeggio, dai pennelli di catena a bordo e delle cime, da bordo alla banchina, previa comunicazione da effettuarsi alla direzione del porto. La Direzione del Porto può comunque sostituire d'autorità ogni cima di ormeggio, con facoltà di rivalsa nei confronti del Comandante o del Proprietario/Armatore qualora ravvisasse uno stato di precarietà dell'ormeggio tale da pregiudicarne la sicurezza.

Il Comune non è in alcun caso responsabile di danni conseguenti ad inefficienza od insufficiente ormeggio delle unità. Il Proprietario/ Armatore non può modificare né il sistema di ormeggio né i sistemi di erogazione dei servizi sussidiari; qualora questo avvenisse, il Comune si riserva, a causa del pregiudizio che ne deriva alla sicurezza, l'immediato allontanamento nei modi previsti dal 4° comma dell'art. 4 del presente Regolamento dell'unità, con recessione del contratto senza che nulla sia dovuto ad alcuno.

 

ARTICOLO 12- CASI DI FORZA MAGGIORE E DI EMERGENZA:

In casi di particolari condizioni meteorologiche, di pericolo per la vita umana o per qualsiasi altra situazione di pericolo valutata tale dalla Direzione del Porto, essa potrà utilizzare, per i servizi di emergenza, anche gli equipaggi delle unità presenti ai quali incombe l'onere di partecipare gratuitamente alle operazioni. Eventuali barche in avaria o prive di equipaggio, ove ricorrano gli eventi suddetti, potranno essere rimosse a cura e con il personale della Direzione del Porto senza necessità di apposita autorizzazione del Proprietario/Armatore.

Qualora un'unità affondi entro l'ambito portuale, il Proprietario/Armatore è obbligato alla relativa rimozione.

 

ARTICOLO 13- INQUINAMENTI E MOLESTIE:

Nel posto di ormeggio è vietata:

  • lavarsi o lavare oggetti;
  • l'utilizzo di qualsiasi apparecchiatura che possa recare disturbo alla quiete pubblica;
  • il deposito di qualsiasi oggetto;
  • l'abbandono o il getto di immondizie di qualsiasi genere, di oggetti o di ogni altra sostanza liquida o solida sia in acqua che sulla banchina. Per essi devono essere utilizzati esclusivamente gli appositi contenitori;
  • l'uso di impianti igienici di bordo con scarico diretto a mare;
  • lo svuotamento di acque di sentina;
  • la pesca e la balneazione.

Gli animali domestici sono ammessi nell'ambito della concessione solo per il tempo necessario al loro imbarco sbarco. In ogni caso dovranno essere prese tutte le opportune precauzioni al fine di evitare che la loro presenza possa recare molestia o disagio agli utenti e insudiciare pontili o banchine.

 

 

ARTICOLO 14- PRESCRIZIONI E VERIFICHE CONCERNENTI LA SICUREZZA:

Le unità ormeggiate presso la Banchina medaglie d'Oro devono essere in regola con le vigenti disposizioni di legge e devono essere efficienti ai fini della sicurezza della navigazione e dello stazionamento .

In particolare, deve essere vietata ogni anormale predisposizione che possa determinare il pericolo di incendio e comunque la possibilità di recare danni alle unità vicine o alle installazioni a terra. Il Comune avrà la facoltà nell'ambito del contratto di cessione, di stabilire eventuali norme di sicurezza aggiuntive per assicurare la migliore gestione dell’approdo turistico.

Il Proprietario/Armatore deve osservare le seguenti disposizioni a carattere preventivo e generale:

  • Il rifornimento carburanti e lubrificanti alle unità deve essere effettuato esclusivamente presso l'apposito punto di distribuzione carburanti. E' assolutamente vietato nell'ambito dell'approdo qualsiasi modalità di rifornimento, anche parziale, sia a mezzo di serbatoi mobili che autotrasportati che con qualsivoglia cisterna.
  • prima della messa in moto l'utente deve provvedere all'aerazione della sala macchine;
  • gli estintori a bordo devono essere corrispondenti ai regolamenti in vigore, in numero adeguato ed in perfetta efficienza;
  • gli impianti elettrici di bordo devono essere in perfetto stato di funzionamento, isolamento e manutenzione;
  • le unità in porto non devono avere a bordo alcuna sostanza pericolosa o suscettibile di incendio o esplosione.

Nel caso di incendio a bordo di una unità, sia da parte del personale della stessa che da quello delle unità vicine, deve farsi il possibile per lo spegnimento e isolamento delle fiamme, avvisando, nel frattempo, la Direzione del Porto, che informerà le Autorità competenti. L'unità interessata dal fuoco deve essere immediatamente isolata e allontanata dalle altre a cura del personale della Direzione del Porto o dal al Proprietario/Armatore

In caso di versamento di idrocarburi in acqua o sulle banchine, il responsabile deve immediatamente informarne la Direzione del Porto provvedendo, nel frattempo, con i mezzi a sua disposizione, alla bonifica della zona interessata.

In Porto e nelle vicinanze è vietato l'uso di apparati VHF per le comunicazioni che non siano strettamente legate ad operazioni portuali (canale di lavoro) o di soccorso (canale 16); è fatto assoluto divieto dell’uso di Apparati Radar.

Le unità dovranno essere assicurate per la responsabilità civile verso terzi. La Direzione potrà allontanare dalla zona in concessione l'unità la cui copertura assicurativa non corrisponda alle prescrizioni di legge.

 

ARTICOLO 15- ISPEZIONI:

La Direzione del Porto potrà disporre in qualsiasi momento sopralluoghi ed ispezioni al fine di contribuire alla prevenzione di incendi e danni. La stessa può richiedere, qualora sussistano fondati motivi, che siano effettuate ispezioni a bordo delle unità da parte della competente Autorità Marittima, per accertare che siano in perfetta efficienza per la sicurezza dello stazionamento ed in regola con le prescrizioni emanate in proposito dalle competenti Autorità. Le unità ritenute non in regola potranno essere allontanate dalla zona in concessione. E' fatto assoluto divieto di ormeggio mediante catene bloccate da lucchetti o comunque con qualsiasi altro accessorio che possa impedire il rapido disormeggio dalla banchina.

 

 

 

ARTICOLO 16-SERVIZI PORTUALI:

E' prevista la fornitura ai Proprietari/Armatori da parte del Comune, nella misura compatibile con le disponibilità, dei seguenti servizi:

  • Manutenzione ordinaria degli impianti e arredi portuali.
  • Somministrazione di energia elettrica cavi elettrici di proprietà dell'Utente. La somministrazione di energia elettrica può avvenire solo con l'impiego delle spine previste; ogni allaccio in forma diversa da quella prevista, sarà perseguito. Il Comune non è tenuto ad assicurare la fornitura di energia elettrica in caso di avarie, di incompletezza degli impianti e in particolari carenze dovute a siccità. Detti servizi godono della clausola di esclusiva ex art. 1567 del Codice Civile. La tariffa per il consumo dell’energia elettrica sarà stabilità con apposita delibera di giunta e non potrà essere inferiore a quella pagata dal Comune al Gestore.
  •  
  • Somministrazione d’acqua con contatori dedicati ad ogni utenza. La tariffa per il consumo dell’acqua sarà stabilità con apposita delibera di giunta e non potrà essere inferiore a quella pagata dal Comune al Gestore Abbanoa.

 

ARTICOLO 17-ESERCIZIO DELLA CONCESSIONE:

L'esercizio della concessione è di competenza unica del Comune, pur rimanendo sempre soggetto alle vigenti norme di Polizia del Demanio Marittimo e alla vigilanza dell'Autorità Marittima, all'osservanza di tutte le disposizioni contenute nel Codice della Navigazione e del relativo Regolamento di Esecuzione, nonché alle Leggi ed ai Regolamenti dello Stato.

 

ARTICOLO 17 bis – SPAZI A TERRA

È fatto assoluto divieto posizionare qualsiasi ingombro a terra. Eventuali punti vendita dovranno essere posizionati in un unico luogo individuato dall’amministrazione e dovranno essere strutture amovibili con caratteristiche uguali per tutti.

 

ARTICOLO 18- DISPOSIZIONI FINALI:

Il Comune si riserva la facoltà di non concedere l'ormeggio ad unità da trasporto passeggeri di Proprietari/Armatori che abbiano dimostrato comportamento incompatibile con la correttezza dei rapporti sociali e commerciali, che abbiano tenuto comportamenti scorretti in altri Porti, che non si siano attenuti alle disposizioni scritte o verbali della Direzione del Porto.

Il Comune si riserva, altresì, la facoltà di spostare, con i propri mezzi ed il suo personale, tutte le unità di cui fosse necessario lo spostamento per esigenze proprie ed insindacabili, modificando, quindi, la disposizione degli ormeggi assegnati.

Ogni qual volta si rendesse necessario dover provvedere all'allontanamento forzato o sgombero di unità dal posto di ormeggio, quest'ultima potrà essere rimossa nei modi previsti dal 4° Comma dell' Articolo 4 del presente Regolamento, il tutto interamente a spese del Proprietario/Armatore.

Resta inteso che rimane in facoltà dell’amministrazione comunale trasferire i posti di ormeggio situati presso la banchina medaglie d’oro, qualora questo fosse ritenuto necessario per una migliore e più funzionale utilizzazione delle banchine in concessione.

 

ARTICOLO 19- CONTROVERSIE:

Per ogni controversia che dovesse insorgere fra gli utenti e fra questi e il Comune, è eletto quale Foro competente quello di Tempio Pausania.

 

Il presente regolamento abroga e sostituisce i precedenti.

Allegati (1)