Inserimento Minori in Strutture Socio-Assistenziali

Il servizio è volto alla tutela dei minori che si trovano temporaneamente privi di un ambiente familiare idoneo.

Data:
13 agosto 2021

Visualizzazioni:
993

Il servizio è volto alla tutela dei minori che si trovano temporaneamente privi di un ambiente familiare idoneo.

Cos'è

L’inserimento in struttura residenziale è un servizio che tutela i minori che si trovano temporaneamente privi di un ambiente familiare idoneo, nonostante siano stati predisposti gli opportuni interventi di sostegno, a cura del Servizio Sociale Professionale, e nei casi in cui non sia possibile attivare l'affidamento familiare. L’intervento di inserimento in struttura (Casa famiglia o Comunità di accoglienza per minori) ha carattere di temporaneità e può comprendere anche l'inserimento della figura materna insieme al minore. Il tempo dell'inserimento in comunità deve essere rapportabile al complesso di interventi volti al recupero della famiglia d'origine e/o all’attivazione di interventi di inserimento in contesti familiari idonei all’interesse del minore, secondo le disposizioni del Tribunale per i Minorenni. Tale periodo non può superare di norma la durata di ventiquattro mesi ed è prorogabile su disposizione del Tribunale per i Minorenni, qualora la sospensione dell'affidamento in comunità e/o casa famiglia rechi pregiudizio al minore.

Il Servizio Sociale Professionale ha il compito della predisposizione del progetto educativo personalizzato insieme agli operatori della struttura di accoglienza del minore. La struttura di accoglienza garantisce la vigilanza e ha l’obbligo di informare il Servizio Sociale Professionale qualora si verifichino eventi di particolare rilevanza riguardanti il minore, e ha il compito di relazionare periodicamente al Servizio Sociale Professionale, secondo i tempi e le modalità concordati con lo stesso, in merito all’andamento dell’inserimento del minore in struttura. Il Servizio Sociale Professionale ha il compito di svolgere sostegno sociale al minore, agevolare i rapporti con la famiglia di provenienza ed il rientro nella stessa secondo le modalità più idonee, avvalendosi anche delle competenze professionali degli altri servizi del territorio.

A seguito di valutazione/proposta da parte del Servizio Sociale Professionale, l'Ufficio Amministrativo predispone l'atto di impegno di spesa per l'avvio dell'inserimento del minore in struttura e periodicamente predispone, gli atti di liquidazione delle rette spettanti in favore delle strutture che ospitano i minori.

A chi si rivolge

Destinatari del servizio:

Il Servizio è rivolto alle famiglie multiproblematiche, in temporanea difficoltà nella gestione del ruolo genitoriale ai fini dell’educazione, istruzione, cura e mantenimento dei figli minori. In particolari situazioni di multiproblematicità, è possibile l’inserimento in struttura di mamme insieme ai minori.

L’inserimento del minore in struttura, in assenza del consenso dei genitori o di chi ne esercita la responsabilità genitoriale, può essere attivato solo su disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente. L’inserimento può avvenire anche su istanza della famiglia del minore (consapevolmente problematica), con convalida da parte dell’Autorità Giudiziaria competente.

Accedere al servizio

Come si fa:

Rivolgersi al settore Politiche Sociali e Generazionali, nello specifico all'Area Minori e Famiglie.

Cosa si ottiene: Inserimento del minore in una struttura socio educativa ai fini dell'attuazione di un progetto educativo personalizzato.

Modalità di autenticazione al servizio: Accesso libero

Contatti

Uffici a cui rivolgersi:

 

Area di riferimento:

Cosa serve

Costi e vincoli

Tempi e scadenze

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
29/12/2022, 13:02

Potrebbero interessarti